HOME PRESENTAZIONE SOCI FONDATORI

 

SABINO ACQUAVIVA

 

 

 

 

 

 

 

 

Professore di sociologia presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Padova, ne é stato preside dal 1977 al 1978 e direttore del dipartimento di sociologia dal 1985 al 1988. Visiting Fellow all'All Souls College di Oxford nel 1975-76, é membro del comitato scientifico (Conseil de Perfectionement) dell'Institut Européen des Hautes Etudes Internationales della Facoltà di Legge ed Economia dell'Università di Nizza. In precedenza ha svolto per alcuni anni attività manageriale presso una licenziataria della Philips e presso la Rai dirigendone per due anni la struttura cultura. Ha quindi una buona conoscenza dell’azienda.

Per molti anni Who's who in Europe  e in Italy  e Who's Who in Science in the World.  E’ nei top five  italiani dello Who’s who internazionale “libretto rosso”. 1997.  E’ anche membro della Societé Européenne de Culture e di altre accademie scientifiche. E' segnalato in Chi é: mille nomi dell'Italia che conta..  Collabora a numerose riviste scientifiche e culturali italiane e straniere. Ha al suo attivo più di trenta volumi e quasi centocinquanta pubblicazioni scientifiche e culturali (e quasi millecinquecento articoli per giornali e settimanali). Scrive su quotidiani e riviste di intrattenimento fra i quali Oggi per cui tiene una rubrica settimanale. Tra i libri ricordiamo: Automazione e nuova classe, 4a 1994, L'eclissi del sacro nella civiltà industriale, ormai un classico, rieditato più volte e tradotto in francese, inglese, spagnolo, tedesco, é stato ripubblicato nei "Grandi Saggi" degli Oscar Mondadori (1992), La strategia del gene. Bisogni e sistema sociale  (8a ed. 1995), Eros morte ed esperienza religiosa (6a ed. 1996). Un discorso a parte per i volumi Guerriglia e guerra rivoluzionaria in Italia (2a 1979), Il seme religioso della rivolta (1979) e Sinfonia in Rosso, (2a 1989), dedicati agli anni di piombo, ma con diverse angolature. In particolare, Sinfonia in rosso (1977-80)  racconta il periodo cruciale della rivolta in forma di racconto verità sulla base delle esperienze vissute dall’autore in quegl’anni. Molto attuale il saggio, il primo di interesse psicologico e politico insieme, Progettare la felicità (1994) Ed. Laterza Bari (trad. in tedesco (Germania) spagnolo (Argentina) e portoghese (Portogallo):  tratta il problema della felicità anche come progetto politico. Infatti la traduzione tedesca titola più correttamente: La felicità: un progetto politico (Das Gluck ein politisches Project). Più recente il romanzo La ragazza del ghetto, Mondadori, Milano, 1998, 5a ed., che ha già vinto quattro premi letterari, é stato ripubblicato poco tempo fa come “best seller” Mondadori e come tale é già alla seconda edizione. Ha pubblicato  con la Sellerio, il volumetto Prima dell’alba  (2001) e con la Marsilio il testo di sociologia della politica La democrazia impossibile (2002). Ha collaborato (o curato in prima persona) a numerose trasmissioni televisive, tra le quali “La notte della repubblica” di Sergio Zavoli, di cui ha steso lo schema iniziale delle puntate e il tessuto culturale. Ha anche una conoscenza scientifica e tecnica del problema dei media avendo loro dedicato alcuni libri fra cui ricordiamo: Televisione e bambini, (una ricerca in coll. con altri), Eri, Roma. Telescuola. Der Einfluss des Fernsehens in der Gesellschaft von Heute und Morgen, (una ricerca in coll. con G. Eisermann (Univ.di Bonn): é uscito soltanto in tedesco) Enke, Stuttgart. La modernizzazione sperata, (in coll.: un’indagine sull’influenza della televisione sul cambiamento sociale in Abruzzo), Guida, Napoli. Massmedia famiglia e trasformazione sociale, (una ricerca in coll.), Sansoni, Firenze. La montagna del sole: il Gargano (Sottosviluppo, massmedia e cambiamento sociale nel Gargano), (in coll. con G. Eisermann), Comunità, Milano. Corso di Giornalismo, Sapere, Padova. Social Structure in Italy, Crisis of a System (in coll. con M. Santuccio): é uscito soltanto in inglese Robertson, Londra. Il volume, dedicato al più vasto problema della crisi politica sociale culturale e dei valori della società italiana negli anni Ottanta, affronta anche il tema dei media.

Ultima pubblicazione: L'Eclisse dell'Europa decadenza e fine di una civiltà - Editori Riuniti, 2006
Colleziona ogni anno oltre centocinquanta interviste radiofoniche, televisive e giornalistiche e fra tre e cinquecento ritagli dell’Eco della Stampa. E’ considerato il maggiore studioso italiano dei problemi dell’esperienza religiosa. Il noto filosofo e scienziato Umberto Galimberti nel suo recente libro Le orme del sacr
o, lo pone infatti nella lista -unico italiano- dei dieci maggiori specialisti (sociologi, psicologi, antropologi, psicanalisti) che -nell’ultimo secolo- hanno trattato  scientificamente il problema del sacro e dell’esperienza religiosa.